Thomas Piketty e il doppio volto della Toscana felix

Comunicato stampa congiunto  Cub Toscana e Una Città In Comune

Thomas Piketty e il doppio volto della Toscana Felix

NEWS_15573Il governatore Rossi ha mostrato di recente grande interesse per il pensiero dell’economista Thomas Piketty. In occasione del convegno tenuto a Gennaio all’Istituto Universitario Europeo di Fiesole, impossibilitato a incontrarlo direttamente, gli ha scritto: “Ho letto il suo libro e penso che esso dia un grande contributo a spostare l’attenzione dal dogma della crescita a quello della ridistribuzione del benessere e della ricchezza…”; e ancora: “In Toscana abbiamo lavorato molto sulle politiche di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale, investito sulle persone e sulla capacità innovatrice delle imprese, sui servizi pubblici, sulla formazione, il benessere, la conoscenza e lo sviluppo equo della comunità”. ( da Repubblica del 22 gennaio http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2015/01/22/troppa-ricchezza-nelle-mani-di-pochi-e-rossi-scrive-a-piketty-sono-daccordoFirenze02.html ).

Ma è davvero tanto felix questa Toscana di Rossi?

I cittadini e i lavoratori conoscono una situazione ben diversa: hanno assistito negli anni al progressivo smantellamento e privatizzazione di tutti i servizi pubblici. Limitiamoci per oggi ad analizzare quanto è successo ai trasporti e alla sanità.

Trasporti

Nel campo dei trasporti, la frase “ridistribuzione del benessere e della ricchezza” suona, diciamo, in modo bizzarro, dal momento che le mosse della Regione sono state improntate a una logica che ci appare molto diversa.

Avallare la centralità dello scalo fiorentino, come chiesto dalle maggiori categorie economiche, ha comportato la necessità di allungare la pista, con grave impatto sull’area abitata e sul confinante polo universitario, consegnando definitivamente lo scalo pisano alle compagnie private low cost.

Si è inoltre lasciato sopprimere il servizio ferroviario dedicato all’Aeroporto Galilei, oggi sostituito da linee bus private.

Recentemente, attraverso il “Consiglio delle grandi aziende” (le 17 società nazionali e multinazionali presenti in provincia di Firenze), si è spianata la strada agli interessi della multinazionale Corporaciòn America, detentrice della maggioranza delle azioni degli aeroporti toscani.

Non ci ricordiamo grande impegno nel contrastare la vendita di Tirrenia, come ha provato a fare la Regione Sardegna: anzi, la regione Toscana è stata tra le più sollecite a consegnare Toremar al privato.

Nel trasporto ferroviario, il forte sostegno al TAV è una costante dell’Amministrazione.

Malgrado i danni ambientali in Mugello, le commistioni affaristico/malavitose emerse in continuazione e l’enorme esborso di denaro pubblico per lavori spesso mal eseguiti, si ribadisce ancora la necessità di realizzare la follia urbanistico/economica del sottoattraversamento fiorentino. Intanto per finanziare questa Grande Opera, da sempre destinata a essere quotata in borsa e quindi privatizzata, si demolisce il restante trasporto ferroviario.

Il Servizio Notte è finito in mani non pubbliche, la lunga percorrenza è ridotta ai minimi termini, intere tratte del servizio locale sono dismesse o drasticamente ridotte.

Dal Presidente si sentono spesso interventi sull’importanza del servizio pubblico, ma ci appaiono frasi di circostanza, visto che il gruppo di analisi del servizio ferroviario locale della Regione, dopo una valutazione dell’intera rete, ha elaborato l’ipotesi che per incentivare il servizio e la concorrenza si possano avere fino a sette diversi gestori, privati, a cui affidare le linee.

Il trasporto su gomma è ormai interamente a gestione privata.

I competitori per la prossima assegnazione del Trasporto Pubblico Locale sono il Consorzio degli attuali gestori e la Gest del gruppo  francese RATP (sevizi ferroviari Transdev/Veoliagroup, bus a Genova e Belluno, tramvia di Firenze).

Il trasporto urbano, gestito dalle Municipalizzate, è sul mercato. 

ATAF Firenze è stata consegnata ad una Associazione Temporanea di Imprese con capofila BUSITALIA – SITA Nord (Gruppo FS Italiane), Cooperativa Autotrasporti Pratese Soc. Coop (Cap Prato) e Autoguidovie Spa (Milano), che presto scorporeranno servizi e personale dividendoselo. 

Autore il Comune, ma la manovra è stata condivisa dagli altri Enti Amministrativi, Regione inclusa.http://www.fsbusitalia.it/cms/v/index.jsp?vgnextoid=b51d47d66a91c310VgnVCM1000008916f90aRCRD

Sanità

Riduzione dei posti letto, ridimensionamento dei piccoli ospedali, tagli e accorpamenti di distretti, consultori, 118, tagli dei servizi in appalto, hanno impoverito la Sanità toscana, allontanato le strutture dai cittadini, e di fatto aumentato la disuguaglianza nell’accesso alle cure.

Nel frattempo la stessa Giunta Regionale Toscana sta garantendo enormi profitti a grandi imprese attraverso la costruzione di nuovi ospedali con il sistema del Project financing: il debito contratto verso i costruttori verrà pagato per 20 anni tramite la cessione in appalto dei servizi non sanitari, aumentando il deficit regionale.

Rossi e la sua giunta hanno dato anche una spinta all’assistenza sanitaria integrativa e privata, con l’accordo di collaborazione con le associazioni di volontariato stipulato nel dicembre 2013.

Queste scelte, insieme all’aumento del costo della “compartecipazione alla spesa sanitaria” (ticket, contributo digitalizzazione) e alle liste di attesa sempre più lunghe dovute al blocco delle assunzioni, stanno ormai creando anche in Toscana una Sanità a doppio binario.

Da una parte, chi può tende a rivolgersi alle strutture private con pagamento diretto, dall’altra ci sono larghe fasce di popolazione che, non potendo affrontare questi costi, rinunciano sempre più spesso alle cure.

E dopo aver affermato, in rapporto ai tagli previsti per la sanità dalla legge di stabilità del 2015, che “La sanità non è il borsellino a cui attingere per risanare le casse dello stato”, Rossi si è affrettato ad allinearsi alle direttive del governo, proponendo misure come il superticket sulle cure ospedaliere (compresi gli interventi chirurgici urgenti e oncologici), la revisione delle esenzioni per patologia, la riduzione delle ASL a 3 dalle attuali 12.

Benché non ci siano dati previsionali sul risparmio effettivo prodotto, la creazione di 3 superASL (Aree Vaste) sarà intrapresa già dal 1 marzo 2015, con la nomina di 3 commissari.

Si tratterà di strutture gigantesche, in cui sarà difficile tener conto dei bisogni diversificati dei vari territori e garantire davvero l’equità di accesso ai servizi ai cittadini residenti nelle zone più periferiche e disagiate.

Anche i lavoratori pagheranno le conseguenze di questa “riorganizzazione”: con il piano esuberi, che toglierà ulteriore personale nei servizi, i carichi di lavoro saranno più pesanti e sia assisterà ad un aumento della mobilità all’interno delle aree vaste al fine di supplire alle carenze di personale.

Siamo ben lontani dalle tanto sbandierate politiche di contrasto alla povertà e alla esclusione sociale e di redistribuzione del benessere e della ricchezza.

Sul pensiero di Piketty, Lunedì 16 è previsto un incontro organizzato dall’Istituto Gramsci toscano in S. Apollonia (via San Gallo a Firenze). Anche Enrico Rossi dovrebbe partecipare, insieme, tra gli altri, al presidente del Pd Matteo Orfini.

Ci chiediamo se, dissertando su questi temi, non vengano mai sfiorati da dubbi sul proprio operato.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>