17/12 Giornata No TAV in attesa della sentenza per Chiara, Mattia, Claudio e Niccolò

10847970_358577444313487_8568038559914489438_nMercoledì 17 Dicembre
Giornata No TAV in attesa della sentenza per Chiara, Mattia, Claudio e Niccolò
Dalle ore 13:00, Piazza Leopoldo
Pranzo benefit No Tav, concerto, materiale informativo e diretta con il tribunale.
Ore 15.30 corteo
EventoFB:https://www.facebook.com/events/794812880610840/798970416861753/

Dalle 13 in attesa della sentenza:
pranzo benefit No Tav, concerto,
materiale informativo e diretta con il tribunale. Ore 15.30 corteo
Il 17 dicembre giungerà a conclusione il processo per 4 No-Tav accusati
di terrorismo. Le motivazioni che portano i pm a richiedere per 4
ragazzi 9 anni e mezzo di carcere per il solo danneggiamento di un
compressore son chiare: criminalizzare e reprimere una lotta che è stata
in grado di superare la divisione tra buoni e cattivi, che ha gridato
con forza sin dal giorno dopo l’azione che il sabotaggio è una pratica
necessaria, condivisa da tutto il movimento No Tav.
Chiara, Mattia, Nicolò, Claudio stavano protestando contro la …
costruzione del Tav Torino-Lione,
una lotta giusta, contro il sistema mafioso fatto di istituzioni
corrotte e clientelari, contro il disastro ambientale, contro lo
sperpero di denaro pubblico che regolarmente viene sottratto al nostro
benessere.
Per questo sono in carcere da oltre un anno in regime di isolamento.
Sarebbe però un errore ritenere questo provvedimento un’eccezione. Il
sistema giudiziario sistematicamente reprime con la violenza delle
sentenze o dei manganelli qualsiasi istanza di liberazione e ogni
tentativo di opporsi dal basso alla rapina che quotidianamente viene
perpetuata ai danni delle nostre vite.
Anche qui a Firenze abbiamo provato sulla nostra pelle “l’eccezionalità”
di simili provvedimenti. Nel 2011 un’associazione a delinquere e una
indagine su quasi 100 persone per una protesta che stava eccedendo
l’università. Di recente le manganellate agli studenti medi, denunce e
chiamate in questura per ragazzi ancora minorenni. La lista potrebbe
purtroppo essere ben più lunga..
Queste forme di repressione non sono un’eccezione, si tratta di una
violenza di stato programmata e stabilita a tavolino per determinare
ancora una volta le nostre vite nel segno della sottomissione, per
impedire sul nascere lotte che potrebbero veramente incidere sul mondo
che ci circonda.
La nostra opposizione al Tav va comunque al di là della specificità
della val Susa. È un’opera la cui costruzione dà profitti solo alla
mafia e ai soliti speculatori, che potrà essere utilizzata solo dai ceti
più abbienti, mentre Fs continua a tagliare i regionali e in generale la
crisi continua a pesare solo sulle nostre spalle. Quante case popolari
sarebbero potute essere costruite con i soldi che vengono spesi per la
realizzazione della Tav a Firenze, un’opera costosissima che sta
devastando il nostro territorio?
Per questo il 17 dicembre si terrà una giornata di lotta No Tav. in
piazza Leopoldo.
Dalle 13 in attesa della sentenza: pranzo benefit No Tav, concerto,
materiale informativo e diretta con il tribunale. Ore 15.30 corteo
La lotta No Tav è stata per tutti l’esempio che vincere è possibile. La
val susa ha dato tanto a chiunque speri di cambiare questo mondo. È il
momento di dare noi una mano ai No Tav!

Assemblea No Tav firenze

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>